“Amore e guerra” di Woody Allen (1975)

Sarebbero infinite le frasi celebri di questo film che amo follemente… Stasera ne scrivo solo 2. Le prime che mi vengono in mente. Sono sicura che magicamente se ne aggiungeranno altre…giochiamo come se fossero figurine? Vediamo se escono fuori i doppioni? Adoro!       Lei: Io credo di essere mezza santa e mezza vacca. Lui: Scelgo la metà che … Continua a leggere

LA BUSSOLA D’ORO

STREGHE E AEROSTATI MAGISTERIUM FASCISTA STEAMPUNK NORDICO   Ho pianto, ho riso, ho sognato. La Kidman, testimone del botulino, poteva essere più gnocca senza, va bene essere algida, ma era stata messa in frigo….con tutto quel ghiaccio. Eva Green era un po’ Legolas, gnocca, ma un poco monoespressiva: “Hai visto che figa che sono ? So anche volare, mi mantengo … Continua a leggere

LA FIAMMA DEL PECCATO di Billy Wilder (1944)

Gli archetipi e l’apoteosi dei geni del cinema, Billy Wilder alla regia, Raymond Chandler alla sceneggiatura (hai detto gnente !), sai dall’inizio che il crimine non vincerà, eppure, il giallo si dipana, si snoda prende alla gola e  la catena alla caviglia ! Sex symbol altro che il Tuca Tuca e Barbara Stanwyck ? E dire che a quel tempo in TV ce la … Continua a leggere

“Nodo alla gola” di Alfred Hitchcock (1948)

  Virtuosismi, il primo colore di Hitchcock, claustrofobia, scenografie su ruote, piano sequenza di 80 minuti, 10 bobine, 10 inquadrature, 6 microfoni nascosti, accenni d’amore, teoria e pratica dell’omicidio perfetto, lo spettatore unico testimone… Per me esempio di perfezione del cinema. Per il regista “un pasticcio”.   Sigur Ros  

SABATO

Quei pomeriggi del fine settimana, il senso del dovere, piccolo, il liceo classico, una scuola superiore tradizionale che chiede molto alla responsabilità, allo studio in casa e produce spleen ed abbattimento in dimensione industriale. Eppure si doveva studiare, mentre l’adolescenza e gli ormoni pulsavano alle tempie e la sublimazione o meglio la repressione produceva fughe della pressione o cazzeggi talvolta … Continua a leggere

Bourne Ultimatum

Bourne Ultimatum (Locandina Polacca) * Scusa hai dimenticato le chiavi ? Eccheccivuole ! Se non salti nella minestra, passi dalla finestra… * Dove la logica dell’inverosimile cede, si pigia sull’acceleratore… c’è la moglie di John Travolta in Face Off e la protagonista di Save the last Dance (che per essere una spia è troppo allocca)

ARSENICO E VECCHI MERLETTI (Frank Capra 1942)

  (il) Sangue non è acqua Il seme della follia Orrore in casa. La febbre gialla ? Il  canale di Panama ? Il matrimonio ? Boris Karloff e Peter Lorre, M il mostro di Dusseldorf ? Niente è più pericoloso delle donne di buona volontà !   Però, pensandoci, quasi quasi scrivo de “Il Padrino”.. ma del libro… Per sempre … Continua a leggere